TOULOUSE-LAUTREC LA BELLE EPOQUE



sino al 3 settembre il Museo della Lirica di Verona (AMO Arena Museo Opera) ospita la mostra TOULOUSE LAUTREC, LA BELLE EPOQUE. Una grande retrospettiva dedicata al pittore bohémien della Parigi di fine Ottocento, che ha ritratto scene e scorci della capitale francese con una attenzione particolare ai locali di Montmartre e alla società del tempo. Attraverso circa 170 opere il percorso espositivo, interamente composto da opere provenienti dall’Herakleidon Museum di Atene, illustra l’arte eccentrica e la ricercata poetica anticonformista e provocatoria tra le più innovative tra Ottocento e Novecento. In mostra litografie a colori, come Jane Avril (1893), manifesti pubblicitari come La passeggera della cabina 54 (1895) e Aristide Bruant nel suo cabaret (1893), disegni a matita e a penna, grafiche promozionali e illustrazioni per giornali, come in La Revue blanche del 1895 diventati emblema di un’epoca indissolubilmente legata alle immagini dell’aristocratico visconte Henri de Toulouse-Lautrec. Le prime 4 sezioni sono dedicate alle Notti parigine, a seguire quelle dedicate ai Cavalli, Le collaborazioni editoriali, Gli amici intellettuali. Rampollo di un’antica famiglia aristocratica del sud della Francia, nonostante i limiti fisici, Toulouse-Lautrec riuscì ad inserirsi nel mondo libero e bohémien degli artisti e degli spettacoli parigini. I caffè-concerto e i cabaret, principali luoghi della vita notturna parigina di fine secolo, diventarono il suo rifugio prediletto, fornendogli i temi principali della sua arte.  Tra scelte di soggetti scabrosi e innovative ricerche espressive, Toulouse Lautrec riuscì a trarre ispirazione soprattutto dal quartiere parigino di Montmartre di cui raccontò la vita notturna, alternando l’animazione dei locali con istanti di quotidianità, sempre fissati con un effetto di grande immediatezza. Nel giro di poco tempo divenne uno degli illustratori e disegnatori più richiesti di Parigi, a cui vennero commissionati manifesti pubblicitari per le rappresentazioni teatrali, i balletti e gli spettacoli, oltre che illustrazioni d’importanti riviste dell’epoca, come la satirica Le Rire. La mostra curata da Stefano Zuffi, è prodotta da Arthemisia con il Patrocinio del Comune di Verona e il contributo di Agsm. 
 
>> BIGLIETTO intero 14,00 euro; ridotto 12,00. La mostra è visitabile il lunedì dalle 14.30 alle 19.30 e tutti gli altri giorni con orario continuato dalle 09.30 alle 19.30. Il biglietto di accesso include la visita completa al museo
>> Per essere sempre aggiornato, metti Mi Piace sulla nostra pagina WWW.FACEBOOK.COM/VERONA.NET

ALTRI EVENTI IN PROGRAMMA PRESSO MUSEO della LIRICA (AMO)