PALAZZO DELLA RAGIONE
piazza dei Signori
37121 Verona (vr)
VISUALIZZA LA MAPPA

CONTATTI
045.8001903
web Palazzo Ragione

GIORNO DI CHIUSURA
lunedì tutto il giorno

ORARI DI APERTURA
10.00/18.00 (festivi 11.00/19.00)

PALAZZO DELLA RAGIONE


Palazzo della Ragione è un maestoso edificio a pianta quadrangolare con cortile interno, situato nell'angolo sud-est dell'antico foro romano, fra piazza delle Erbe e piazza dei Signori. Una "domus communis" edificata nel XII secolo per accogliere le nuove magistrature del Comune, incorporando vari edifici preesistenti, e dotata di quattro possenti torri angolari difensive.

Nel corso dei secoli il Palazzo della Ragione (anche detto Palazzo Del Comune) fu uno dei principali centri del potere politico cittadino, che ospitò nelle sue raffinate stanze il Collegio dei Notai, il Dazio della Seta, la Camera Fiscale, la Cassa di Risparmio, la Pretura e la Corte d'Assise. Come da consuetudine alto medievale, in origine anche questo edificio ERA DIFESO DA QUATTRO POSSENTI TORRI ANGOLARI, di cui oggi rimangono solo quelle rivolte verso piazza delle Erbe. TRA QUESTE LA CELEBRE TORRE DEI LAMBERTI, edificata nel 1172 e varie volte sopraelevata sino a diventare la torre più alta della città; è aperta al pubblico e dispone di una panoramica cella campanaria, raggiungibile attraverso tortuose scale o un comodo ascensore, che offre una mirabile vista sull'urbe e le montagne circostanti. Devastato da vari incendi (particolarmente gravi quelli degli anni 1218, 1541 e 1723) costituisce ancora un pregevole esempio di architettura civile romanica. La sua facciata su piazza delle Erbe, su cui si aprono botteghe e negozi, è ornata con ampie finestre trabeate e timpanate e si presenta con le forme neoclassiche che ebbe durante i restauri effettuati nell'ottocento. Più interessanti sono le altre facciate, che mostrano i corsi alterni di pietra e mattoni tipici del Romanico Veronese, medioevali finestre con arco a tutto sesto (monofore nel mezzanino e trifore nel piano nobile) ed un elegante coronamento ad archetti nel sottotetto.

Uno sguardo merita la grande costola che pende dal primo dei due archi che collegano l'edificio alla Domus Nova; secondo la superstizione popolare apparteneva al diavolo, che la perse cadendo sulla. In realtà è una costola di balena, utilizzata nel medioevo come insegna da una bottega. Superando gli archi e voltando a destra si accede all'interno Cortile del Mercato Vecchio, che nel quattrocento ospitava il mercato dei grani. E' questa la zona più affascinante e meglio conservata del complesso, in cui si respira un aria tipicamente medievale. E' cinta da un porticato con arcate a tutto sesto sostenuto da pilastri a bugne rustiche e sormontato da un ordine di finestre trifore. In un angolo lo impreziosisce LA SCALA DELLA RAGIONE, UN GIOIELLO TARDOGOTICO DI RARA BELLEZZA costruito in marmo rosso veronese. Altro gioiello del palazzo è la quattrocentesca Cappella dei Notai, situata al primo piano di quella che un tempo era la Torre della Masseria (nell'angolo tra via Cairoli e via Dante). Si tratta di quattro sale comunicanti coperte con volte a vela impostate su arco gotico, decorate con grandi dipinti su tela a forma di lunetta e dipinti ovali fissati alle volte, realizzati dai pittori veronesi Alessandro Marchesini, Giambattista Bellotti, Sante Prunati e dal pittore francese Louis Dorigny a cavallo del settecento; sotto i dipinti le pareti sono arredate con un pregevole rivestimento ligneo di raffinata manifattura ottocentesca. Dopo gli ultimi lavori di restauro i grandi saloni del piano nobile ospitano la sede della Galleria d'Arte Moderna Achille Forti, che accoglie una selezione di opere di arte moderna appartenenti alle collezioni del Comune di Verona, della Fondazione Cariverona e della Fondazione Domus.

>> Link consigliati  | PIAZZA DELLE ERBE | PIAZZA DEI SIGNORI | TORRE DEI LAMBERTI |



PALAZZO DELLA RAGIONE
piazza dei Signori
37121 Verona (vr)
VISUALIZZA LA MAPPA

CONTATTI
045.8001903
web Palazzo Ragione

GIORNO DI CHIUSURA
lunedì tutto il giorno

ORARI DI APERTURA
10.00/18.00 (festivi 11.00/19.00)