PROVERBI VERONESI (DUE)


- L'è mèjo 'n "to" che çento "te darò" (è meglio un “tieni” che cento “ti darò”)
- L’è péso che andar de note (è peggio che muoversi di notte)
- L'Epifanìa tute le feste la porta vìa (l’epifania tutte le feste si porta via)
- La bona mojèr fà el bon marì (la buona moglie fa un buon marito)
- La fame fa far dei salti ma l'amor li fa far pi alti (l’amore fa saltare più in alto della fame)
- Le busie le gà le gambe curte (le bugie hanno le gambe corte)
- Le busie prima o dopo le vien a gala (prima o dopo le bugie vengono a galla)
- Leto fato e dona petenà, la casa l'è destrigà (letto fatto e donna pettinata, casa ordinata)
- Libri, done e cavai no se inpresta mai (mai prestare libri, donne e cavalli)
- L'ocasiòn fa l'omo ladro (l’occasione rende l’uomo ladro)
- L'omo pien de vin, el te parla anca in latin (l’uomo ubriaco parla anche in latino)
- L’usel in gabia, el canta da la rabia (l’uccello in gabbia, canta per la rabbia)
- Mato ci crede a le làgreme de l’erede (matto chi crede alle lacrime dell’erede)
- Marso, ci no gh’à calze, va descalso (a marzo, chi non posside calze, gira scalzo)
- Mejo magnar sforsa' che laorar de gusto (meglio mangiare obbligati che lavorare con gusto)
- Mejo soli che mal acompagnadi (meglio soli che male accompagnati)
- Morto un pàpa se ghe ne fa un'altro (morto un papa se ne fa un altro)
- 'Na çirèsa tira l'altra (una ciliegia tira l’altra)
- 'Na man lava l'altra e dò lava la facia (una mano lava l’altra, e due lavano il viso)
- No gh'è peso sordo de ci no vol sentìr (non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire)
- No gh'è sponsàr che straca (non c’è riposo che stanchi)
- No gh'è santi che tegna (non ci sono santi che tengano)
- Nose e pan, pasto da vilan (le noci e il pane sono il pato del contadino)
- No domandarghe a l'oste se'l ga bon vin (non chiedete all’oste se il suo vino è buono)
- No rimissiàr la merda parchè la spussa (non muovere la merda, perchè puzza)
- Novantanove maridà fà zento bechi (ogni novantanove sposi ci sono cento becchi)
- Ogni can mena la coa, ogni mona vol dir la soa (ogni cane scodinzola e ogni scemo parla)
- Omo maridà, osel in gabia (l’uomo sposato è come un uccello in gabbia)
- Par quanto el cora, un musso no'l sara' mai un caval (un mulo non sarà mai un cavallo)
- Pèsse picolo nol magna pèsse grosso (il pesce piccolo non mangia quello grosso)
- Più i ghe n'à, e più i ghe ne ol (più ne hanno e più ne vogliono)
- Polenta e late ingrossa le culate (la polenta e il latte ingrossano i fianchi)
- Preti e capitei, caveve 'l capel e rispetei (preti e capitelli, levate il cappello e rispettateli)
- Quando pioe a San Gal, aqua fin a Nadal (quando piove a san Gallo, pioverà sino a Natale)
- Par pagar e morir gh'è sempre tempo (per pagare e morire c’è sempre tempo)
- Prima de comandàr se impara a scoltar (prima di comandare, si impara ad ascoltare)
- Robar poco se va in galera, robar tanto se fa cariera (rubando poco si finisce in galera)
- Sbaja anca el prete a dir messa (sbaglia anche il prete nel dire messa)
- Scarpa comoda no fa mai mal (la scarpa comoda non fa mai male)
- Schei fa schei e miseria fa miseria (i soldi fan soldi e la miseria fa miseria)
- Schersa coi fanti ma lassa star i santi (scherza con i fanti, ma lascia stare i santi)
- Se Dio no vol, gnanca i santi pol (se Dio non vuole, neppure i santi possono)
- Se l’invidia fusse rògna, quanti se gratarìa! (se l’invia fosse rogna, quanti si gratterebbero)
- Se man de ladro non prende, cantòn de casa rende (se mano di ladro non prende, l’angolo di casa rende)
- Se non l’è supa, l’è pan bagnà (se non è zuppa, è minestra di pane)
- Se me nona la gavesse le rue, la sarìa un careto (se mia nonna avesse le ruote, sarebbe un carretto)
- Tempo, cul e siori, i fà sempre chel che vol lori (tempo, culo e signori, fanno sempre quel che vogliono)
- Tuti i temporài, no i porta aqua (non tutti i temporali portano acqua)
- Tuti no pol star a messa arente al prete (non tutti possono stare a messa accanto al prete)
- Ci lassa la strada vecia par quela nova, el sà cosa el perde, ma nol sa cosa ch'el trova
(chi lascia la strada vecchia per seguire la nuova, sà ciò che perde ma non quel che trova)
- Ci nasse tacà a 'n fosso, el spussa senpre da freschin (chi nasce vicino ad un fosso, avrà odore da pesce marcio)
- Ci no tien da conto un scheo, no gavarà mai un scheo (chi non risparmia un soldo, non avrà mai un soldo)
- I òmeni i g'a i ani che i se sente, le done quei che le mostra (gli uomini hanno gli anni che si sentono etc)
- I parenti jè come le scarpe: pì jè streti, pì i fà mal (i parenti son come le scarpe: più sono stretti e più fanno male)
- La mojer l'è come na scoresa: o te la moli o te la stòfeghi (la moglie è come una flatulenza: o la molli o la soffochi)
- Le done quando le se confessa le dise senpre quel che no le g'a fato 
- L'è mejo essar bechi e aver da becar, che non essar bechi e no aver da magnar
- Mejo averghe un morto in casa, che un venesian a la porta (meglio un morto in casa che un veneziano alla porta)
- L'e pì fadiga far la guardia a na dona che a 'n saco de pulsi (è più difficile sorvegliare una donna che un sacco di pulci)
- Marida el fiol quando te vol e la fiola quando te pol (sposa il figlio quando vuoi e la figlia quando puoi)
- Mèjo na dona bela senza camisa che na bruta co sete (meglio una bella donna senza camicia che brutta con sette)
- Nuvola pecorela, slonga el paso o tol sù l' ombrela (nuvole a pecorelle, allunga il passo o prendi un ombrello)
- Quando el Baldo el ga el capél, o che fa bruto o che fa bél (quando il monte Baldo è coperto, o farà brutto o fara bello)
- Se l'aqua la toca el col, anca el musso impara a noar (se l’acqua tocca il collo, anche il mulo impara a nuotare)
- Se l'ignoransa fusse na pianta, te saressi come l'Amassonia (se l’ignoranza fosse una pianta, tu saresti l’Amazzonia)
- Se te vol che l'amicissia la se mantegna, una man vaga e l'altra vegna
- Tuti i nasse pianzendo e nissun more ridendo (tutti nascono piangendo e nessuno muore ridendo)
- Un pare mantien sete fioi ma sete fioi no mantien un pare (il padre mantiene sette figli ma sette figli non un padre)
 
>> Link consigliatiPROVERBI VERONESI (UNO) | PIATTI E VINI TIPICI | RISTORANTI E TRATTORIE |